Caldo record sull'Italia: picchi fino a 45 gradi. La tregua solo a fine mese

Milano, 16 lug. (LaPresse) - L'ondata di caldo africano oramai ha invaso l'Italia: per i prossimi dieci giorni sarà il sole ad essere protagonista, con temperature e tassi di umidità in graduale e costante crescita. Sono le previsioni del Centro Epson Meteo. Le temperature massime in questa ultima parte della settimana raggiungeranno diffusamente i 35 gradi e in diverse località toccheranno punte vicine ai 40° C; a causa dell'afa le temperature percepite invece potranno addirittura sfiorare i 45 gradi.

"Il caldo sarà sempre più opprimente anche nelle ore notturne - sottolineano i meteorologi - nelle grandi città a mezzanotte si registreranno ancora temperature prossime ai 30 gradi".

Da nord a sud il caldo arrivato dall'Africa colpisce l'intera Penisola, e l'umidità ci fa percepire fino a nove gradi in più rispetto a quelli reali. Secondo il servizio meteorologico dell'aeronautica militare, a Torino, a fronte di temperature massime di 36 gradi ne vengono percepiti 40; non va meglio a Bologna e Firenze, dove ci sono 38 gradi ma se ne percepiscono 42; mentre a Roma e Napoli si va dai 35 gradi effettivi ai 44 percepiti.

Il ministero della Salute, che aggiorna di ora in ora il bollettino relativo alle ondate di calore, fa sapere che nel fine settimana l'afa salirà ancora e si passerà da 14 città valutate oggi con il bollino rosso, che prevede il livello massimo di allerta rispetto ai rischi legati all'afa, a 22 previste per la giornata di domenica.

Nelle prossime ore, i cieli italiani saranno tendenzialmente soleggiati, fatta eccezione per qualche possibile "temporale da calore", si legge in una nota del Centro Epson Meteo, che aggiunge: "Domenica ci sarà un leggero indebolimento dell'alta pressione sull'Europa centrale, con temporali sul nord Italia anche di forte intensità; i fenomeni si scateneranno soprattutto a ridosso dei rilievi, con un probabile coinvolgimento delle pianure piemontesi e dell'alta Lombardia tra pomeriggio e sera".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata