Calcio, derby Torino: rissa fra tifosi Juve e granata, 3 arresti

Torino, 2 dic. (LaPresse) - In occasione della partita Juventus-Torino si sono verificati fitti lanci di oggetti fra tifosi appartenenti alle diverse fazioni e la polizia ha fermato ed arrestato tre supporters per i reati di rissa aggravata, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, 2 juventini ed 1 granata. Un tifoso juventino, classe 1966, è stato aggredito da un gruppo di ultras torinisti ha riportato ferite multiple maxillo facciali ed orbitali, mentre 3 operatori digos sono rimasti feriti con prognosi di 7 ed 8 giorni. Lo rende noto la questura di Torino. "Durante il corteo dei tifosi torinisti - fa sapere la questura in una nota - alcuni di loro, incappucciati ed armati di cinture, hanno deviato il percorso, tentando di avvicinarsi ai settori bianconeri, in strada Altessano, presidiati da ultras juventini. Sono stati respinti e ricondotti al percorso previsto dalle forze di polizia impiegate per garantire il dispositivo di sicurezza. La società Juventus ha segnalato uno steward, di servizio al settore ospiti, trasportato all'ospedale Maria Vittoria in quanto attinto da un pugno al volto, nonché numerosi danneggiamenti al predetto settore. Durante l'attività sono stati identificati dalle forze di polizia oltre un centinaio di tifosi. L'incontro di calcio - fa sapere la questura di Torino - ha visto complessivamente la presenza di 40.042 tifosi di cui 1.575 tifosi granata. Hanno sfilato diversi cortei di tifosi juventini diretti allo Juventus Stadium e un corteo di circa 700 tifosi granata che da piazza Stampalia si sono diretti verso lo stadio. Per l'occasione - conclude la questura - nonostante lo sciopero in atto del trasporto pubblico, sono stati messi a disposizione dalla società dei trasporti Gtt 7 autobus che hanno portato 400 tifosi torinisti dallo Stadio Olimpico sino a piazza Stampalia, mentre altri 300 attendevano sempre nella piazza. Inoltre, 600 supporters granata sono rimasti all'esterno dello Stadio Olimpico per guardare la partita dal maxi schermo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata