Calci e pugni al datore di lavoro, ora in coma: 57enne arrestato
L'aggressione è avvenuta nel Milanese, sul posto di lavoro, dopo un diverbio tra dipendente e superiore

Ha picchiato il suo datore di lavoro fino a lasciarlo in fin di vita ed è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio. È accaduto a San Giorgio su Legnano, nel Milanese: un impiegato di 57 anni della Stie, azienda di trasporto urbano, era stato convocato nell'ufficio dal suo superiore, un cinquantatreenne di Varese, per un richiamo disciplinare.

Ne è nato un diverbo, sfociato in un'aggressione. Il dipendente avrebbe iniziato a colpire con calci e pugni il suo capo per poi continuare ad infierire quando l'uomo era già a terra. Il dirigente è ora in coma e rischia di morire. Il suo dipendente ha riportato qualche lieve escoriazione alle mani ed è stato medicato e subito dimesso dall'ospedale. I carabinieri l'hanno quindi arrestato e trasferito nel carcere di san Vittore Olona. 

L'aggressore non era nuovo a violenze: dalle indagini della polizia sono risultati precedenti per lesioni

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata