Bruxelles, testimone: Pensavo ad incidente, è stato un dramma
A 'Pomeriggio 5' parla Micheal, che si trovava vicino alla metro di Maelbeek poco prima dell'attacco

"Io ero vicino alla stazione della metropolitana di Maelbeek: ho visto una prima persona uscire insanguinata, pensavo che fosse un incidente stradale. Poi mi hanno detto della bomba, sono andato subito in ufficio e ho detto ai colleghi quello che era successo". Così Michael, testimone oculare degli attentati nella capitale belga, intervistato da 'Pomeriggio Cinque' su Canale5. "In strada c'era un sacco di gente con visi alienati, era una situazione drammatica: noi abbiamo provato ad aiutare distribuendo bottiglie, poi è stata chiusa tutta l'area", ha aggiunto.

"Io ero sulle scale della stazione metropolitana di Maelbeek, correvo per prendere l'ultimo treno possibile, mi sono affrettata per scendere e ho sentito un'esplosione fortissima, mai sentita prima. Quando è arrivato il treno ho visto le luci rosse ai freni della vettura ho capito, il mio istinto è stato uscire subito", ha detto poi Fiorella, sopravvissuta all'attentato alla stazione di metro di Maelbeek in Belgio. "Ho vissuto un film dell'orrore e ho avuto l'istinto di correre il prima possibile", ha aggiunto intervistata durante la puntata odierna di 'Pomeriggio 5' su Canale5.

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata