Brescia, caso Bozzoli: operai interrogati da più di 2 ore

Brescia, 22 dic. (LaPresse) - Vanno avanti da più di due ore e mezza, gli interrogatori dei due operai della fonderia Bozzoli Srl, Oscar Maggi e Aboagye Akwasi, detto Abu, indagati a piede libero, in concorso con i fratelli Alex e Giacomo Bozzoli, per l'omicidio e la distruzione del cadavere del loro titolare, Mario Bozzoli, scomparso nel nulla l'8 ottobre scorso. Sono arrivati nella caserma dei carabinieri di Brescia di piazza Tebaldo Brusato tra le 9 e le 9.30, prima Abu e pochi minuti dopo Maggi, accompagnato dal suo legale, l'avvocato Scappaticci. I due Bozzoli, figli di Adelio, fratello dell'imprenditore scomparso, secondo fonti investigative potrebbero invece essere interrogati non oggi ma dopo Natale. Tutto dipenderà da quanto emergerà dagli interrogatori dei due operai. Intanto fuori dalla caserma di Brescia un folto gruppo di fotografi, operatori televisivi e giornalisti attendono che Maggi e Abu escano dallo stabile.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata