Botti di Capodanno, ignorati i divieti: 216 feriti, gravi una donna e un ragazzo

Come tutti gli anni, centinaia di incidenti con i petardi. Molte dita e mani amputate da Bardonecchia a Catania. A Roma oltre 150 interventi dei Vigili del Fuoco

Lieve aumento dei feriti rispetto allo scorso anno, in particolare di quelli più gravi: è questo il primo bilancio della polizia sulla notte dell'ultimo giorno del 2018 e in particolare sui servizi di controllo e prevenzione per regolare l'uso di botti e fuochi pirotecnici.

I dati relativi agli incidenti verificatisi nel corso dei festeggiamenti per il Capodanno 2019, evidenziano un andamento che, per quanto riguarda gli episodi mortali, confermano l'andamento positivo. Infatti, sottolinea la polizia, per il sesto anno consecutivo non si sono registrati decessi. Viceversa il numero totale dei feriti è risultato in lieve aumento in quanto, a fronte dei 212 dello scorso anno, si è registrato un numero di 216 feriti di cui 44 ricoverati.

Per quanto riguarda i feriti lievi, con prognosi inferiore o uguale ai 40 giorni, il rilevamento è lo stesso dello scorso anno, ovvero 203 casi, mentre con riferimento ai feriti più gravi, cioè quelli con prognosi superiore ai 40 giorni, si registrano 13 persone ferite a fronte delle 9 dello scorso Capodanno. Con particolare riguardo ai ferimenti di minori si registra un decremento del dato complessivo: sono 41 i minorenni che hanno riportato lesioni mentre lo scorso anno erano stati 50. I dati relativi agli arresti risultano in deciso aumento: 45 rispetto ai 30 dello scorso anno, mentre il numero dei denunciati risulta in sostanziale diminuzione, 200 rispetto a 242.

I feriti più gravi sono una donna di 37 anni di Sant'Agata dei Goti (Benevento) che è stata colpita da un razzo al petto e un ragazzo di 23 anni di Cesate Milanese a cui è esploso tra le dita un petardo che cercava di piazzarlo. Negli altri casi, si tratta di incidenti tipici dall'uso di materiale pirotecnico. Alcune persone hanno perso una mano o alcune dita. Di certo, un po' in tutta Italia (a Roma in particolare) i divieti di utilizzare i "botti" sono stati bellamente ignorati.

Fireworks burst over the water of Marina Bay during the New Year countdown celebrations in Singapore on January 1, 2019. (Photo by Roslan RAHMAN / AFP)

 

Sant'Agata dei Goti (Benevento) - Una donna di 36 anni ha riportato lesioni gravi al torace a causa della forte deflagrazione di un artificio pirotecnico nella notte di San Silvestro mentre si trovava a Sant'Agata dei Goti. Lo fa sapere la polizia di Stato. Sottoposta a un intervento chirurgico all'Ospedale Rummo di Benevento, la donna è attualmente ricoverata nel reparto di terapia intensiva ed è in prognosi riservata.

Cesate Milanese - Un ragazzo di 23 anni di Cesate, in provincia di Milano, è in prognosi riservata e sarebbe in pericolo di vita dopo l'esplosione di un petardo. Il giovane ha rimediato l'amputazione della mano sinistra e un trauma cranico severo alla testa, ma anche danni agli organi genitali. Il ragazzo ha subito un intervento complesso da parte di un'équipe composta da un neurochirurgo, un urologo, un chirurgo plastico, un ortopedico e un oculista.

Milano - Sempre nel capoluogo lombardo, un uomo di 58 anni è arrivato all'ospedale San Giuseppe, proveniente dal pronto soccorso di Bergamo, dopo aver perso quattro dita della mano sinistra per uno scoppio traumatico. L'uomo è stato sottoposto a un intervento chirurgico.

Napoli - Sono 37 i feriti tra Napoli e provincia; 23 in città, di cui 3 minori. Uno in meno rispetto allo scorso anno, quando erano stati 38. Nessuno è stato ferito per armi da fuoco. Sono 5 le persone con prognosi superiore a 30 giorni o ricoverati: un 12enne che ha subito l'amputazione del dito indice, un torinese ricoverato con trauma all'occhio sinistro, un 41enne con amputazione di una falange di un dito della mano destra, episodi avvenuti tutti a Napoli città; un 43enne ferito a Nola con amputazione della falange di un dito della mano destra, un cittadino polacco 21enne a Ischia si è ferito la mano destra. Sul totale, 14 si sono feriti alle mani, 8 agli occhi e 15 in altre parti.

Salerno - Un uomo di 35 anni ha riportato la perdita della mano destra e gravi danni all'occhio destro dopo lo scoppio accidentale di un manufatto pirotecnico. Ricoverato all'ospedale Pellegrini di Napoli, è in prognosi riservata. Un ragazzo di 24 anni, invece, ha riportato la frattura dell'orbita, una contusione polmonare sinistra per via dell'esplosione accidentale di un fuoco d'artificio. È in prognosi riservata.

Roma - A mezzanotte, nonostante il divieto esplicito della sindaca Virginia Raggi, la città è "esplosa" in un tripudio di botti che sono continuati per almeno un paio d'ore. Molti gli interventi (oltre 150) dei vigili del fuoco per lo più per spegnere piccoli incendi di cassonetti. Allo stato non si registrano feriti. Un uomo di 35 anni ha riportato una trauma alla mano destra per l'esplosione casuale di un botto ed è stato ricoverato al Cto della Capitale.

Latina - Un poliziotto, in servizio per i festeggiamenti di fine anno, si è avvicinato a due ragazzi che stavano accendendo un grosso petardo ed è stato investito dall'onda d'urto provocata dallo scoppio. L'agente ha riportato una ferita lacero contusa a una coscia.

Crotone - Un ragazzo di 23 anni ha riportato ferite da scoppio alla mano sinistra causate dallo scoppio accidentale di una bomba carta raccolta a terra fuori casa: rischia l'amputazione della mano. 

In Piemonte, a Bardonecchia (Valsusa), un giovane di 19 anni è rimasto ferito a Campo Smith mentre giocava con dei petardi all'aperto.

Torino -  Un 19enne ha riportato la lesione complessa di tutta la mano destra e una ferita alla coscia destra, sempre a seguito dello scoppio di un grosso petardo. È stato operato all'ospedale di Susa: per lui una prognosi superiore ai 40 giorni.  

In Basilicata i feriti sono sei. Nessuno è in gravi condizioni. Un uomo di Melfi ha perso un dito. A Catania i feriti sono sette e un uomo di 43 anni ha perso una mano.

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata