Blitz di CasaPound a Legnano: Basta centri d'accoglienza
L'amministrazione si prepara a individuare un luogo ad hoc dove accogliere gli immigrati precedentemente alloggiati nell'ex area Expo

 "Basta centri d'accoglienza! Casa, lavoro: prima gli italiani". È quanto si legge sullo striscione affisso davanti al palazzo comunale di Legnano, in provincia di Varese, dai militanti di CasaPound Italia. "Nonostante le proteste e le perplessità espresse dai cittadini - spiega Stefano Casari, dirigente di CasaPound Altomilanese e candidato al Comune di Buscate, in provincia di Milano - l'amministrazione, in accordo con la prefettura, si prepara a individuare un luogo ad hoc dove accogliere gli immigrati precedentemente alloggiati nell'ex area Expo".  "Secondo quanto dichiarato - continua Casari - i luoghi presi in esame sarebbero l'ex caserma Cadorna e l'ex scuola Medea di Legnano. Da parte nostra non possiamo accettare che si ignorino le preoccupazioni, giustificate, dei cittadini e la nostra posizione è e rimarrà una ferma e decisa opposizione".

"Secondo quanto dichiarato - continua Casari - i luoghi presi in esame sarebbero l'ex caserma Cadorna e l'ex scuola Medea di Legnano. Da parte nostra non possiamo accettare che si ignorino le preoccupazioni, giustificate, dei cittadini e la nostra posizione è e rimarrà una ferma e decisa opposizione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata