Berlino, caccia ai complici di Amri. Fermato in Tunisia il nipote
Lega Nord all'attacco, Salvini: "L'Islam non è integrabile con noi"

E' caccia alla rete di possibili complici di Anis Amri, il 24enne tunisino autore della strage al mercatino di Natale di Berlino ucciso in una sparatoria con la polizia a Sesto San Giovanni. Verso le 3 di notte di venerdì, vicino alla stazione della città dell'hinterland milanese, l'uomo, che camminava a piedi, alla richiesta di due agenti di mostrare i documenti avrebbe estratto una pistola calibro 22 dallo zaino e avrebbe sparato. Un poliziotto è rimasto ferito, l'altro, in prova con nove mesi di servizio, ha risposto al fuoco uccidendolo. La polizia di Berlino ha ringraziato la nostra con un tweet pubblicato in Italiano sul suo account, @polizeiberlin: "Grazie e pronta guarigione ai colleghi feriti". E anche la cancelleria Angela Merkel ha ringraziato pubblicamente l'Italia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata