Bergamo, due escursionisti del Cai muoiono sul Resegone

Bergamo, 7 ott. (LaPresse) - Due escursionisti del Cai di Bergamo, il 46enne Enrico Villa e il 72enne Domenico Capitanio, sono morti precipitando mentre stavano percorrendo la via ferrata Gamma 2 sul Resegone. A darne l'annuncio è il Cai di Bergamo. Le salme, recuperate dall'elisoccorso le 118 sono state ricomposte al cimitero di Brumano. I due escursionisti, molto esperti, erano partiti da Brumano con l'intenzione di fare il periplo del Resegone. La camera ardente verrà allestita oggi alla sezione del Cai di Bergamo.

I corpi sono stati avvistati stamattina intorno alle 9. I due escursionisti bergamaschi erano dispersi da sabato. Erano diretti verso il rifugio Resegone ma non sono mai arrivati e quindi è scattata la richiesta di soccorso. Dopo il ritrovamento della loro auto, ieri sera, a Brumano D'Imagna, sono subito partite le ricerche in notturna da parte dei tecnici della VI Delegazione Orobica del Soccorso alpino. Stamattina l'elicottero del 118 di Bergamo li ha individuati dall'alto, nella zona del Resegone, versante Sud, e quindi è cominciata l'operazione di recupero. Secondo le prime informazioni, una probabile ricostruzione della dinamica dell'incidente indica che forse uno dei due è scivolato su una cengia e l'altro ha cercato di soccorrerlo; purtroppo è precipitato a sua volta. Il salto è di una cinquantina di metri. Hanno partecipato all'intervento i carabinieri, i vigili del fuoco, la guardia di finanza e le unità cinofile. Individuato e recuperato nella notte invece un uomo partito ieri da Introbio (LC) verso la Bocchetta di Valbona, sul confine tra Valle Imagna e Valsassina. A causa della nebbia fitta aveva perso l'orientamento e si era ritrovato in un punto che non conosceva; è riuscito a mettersi in contatto telefonico con il Soccorso alpino e i tecnici lo hanno localizzato, raggiunto e portato a valle.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata