Benedetto XVI: Al vescovo il compito di indicare la strada agli altri

Città del Vaticano, 6 gen. (LaPresse) - "Il Vescovo ha il compito non solo di camminare in questo pellegrinaggio insieme con gli altri, ma di precedere e di indicare la strada". Lo ha detto papa Benedetto XVI durante la messa dell'Epifania nella basilica di San Pietro, dopo l'ordinazione di quattro nuovi arcivescovi. Paragonando il pellegrinaggio dei popoli verso Gesù all'ordinazione episcopale, il Santo Padre ricorda che tutti questi uomini portavano, e portano, dentro di loro la necessità di sapere "la cosa essenziale", cioè "come si possa riuscire ad essere persona umana". Così, oggi, il vescovo deve essere preso "dall'inquietudine per Dio". "Egli deve soprattutto essere un uomo - ha aggiunto - il cui interesse è rivolto verso Dio, perché solo allora egli si interessa veramente anche degli uomini. Potremmo dirlo anche inversamente: un Vescovo dev'essere un uomo a cui gli uomini stanno a cuore, che è toccato dalle vicende degli uomini".

"L'umiltà della fede, del credere insieme con la fede della Chiesa di tutti i tempi, si troverà ripetutamente in conflitto con l'intelligenza dominante di coloro che si attengono a ciò che apparentemente è sicuro. Chi vive e annuncia la fede della Chiesa, in molti punti non è conforme alle opinioni dominanti proprio anche nel nostro tempo". Lo ha detto papa Benedetto XVI durante la messa dell'Epifania nella basilica di San Pietro, dopo l'ordinazione di quattro nuovi arcivescovi. "L'agnosticismo oggi largamente imperante - ha aggiunto il santo Padre - ha i suoi dogmi ed è estremamente intollerante nei confronti di tutto ciò che lo mette in questione e mette in questione i suoi criteri. Perciò, il coraggio di contraddire gli orientamenti dominanti è oggi particolarmente pressante per un Vescovo". "Egli dev'essere valoroso" e tale valore o fortezza, ha spiegato il pontefice "non consiste nel colpire con violenza, nell'aggressività, ma nel lasciarsi colpire e nel tenere testa ai criteri delle opinioni dominanti. Il coraggio di restare fermamente con la verità è inevitabilmente richiesto a coloro che il Signore manda come agnelli in mezzo ai lupi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata