Edoardo Stoppa, inviato di Striscia la Notizia
Battipaglia, la troupe di "Striscia" aggredita dal "killer dei gatti"

L'inviato Edoardo Stroppa è stato attaccato con un coltello da u8n uomo sospettato di aver ucciso una settantina di felini. Ferito un poliziotto

Edoardo Stoppa e la troupe di Striscia la notizia aggrediti a Battipaglia (Sa) durante un servizio sul presunto 'killer dei gatti', sospettato di aver ucciso oltre 70 felini usando dei bocconi avvelenati. Dopo diverse ricerche, l'inviato ha scoperto l'identità dell'uomo e si è diretto a Battipaglia per intervistarlo. Il presunto killer non ha voluto rispondere alle domande di Striscia e ha chiamato la polizia: "Quando sono arrivati gli agenti di polizia - racconta Edoardo Stoppa - l'uomo è sceso di casa per attaccarci con un coltello di 25 centimetri". E prosegue: "Per fermarlo sono serviti 5 agenti e uno di loro è stato raggiunto da una coltellata". L'aggressore è stato arrestato e si trova in stato di fermo al commissariato di Battipaglia; l'agente, ferito a una mano, è stato accompagnato all'ospedale cittadino.

I commenti di Forza Italia e Pd - "Siamo vicini alla troupe di Striscia la notizia e all'agente di polizia ferito a Battipaglia. Il responsabile sarebbe il presunto 'killer dei gatti', sospettato di aver ucciso oltre 70 animali usando bocconi avvelenati. Purtroppo ormai sono sempre più frequenti le violenze contro i nostri amici a quattro zampe - ha commentato l'onorevole Claudia Porchietto di Forza Italia -. Si tratta di un'intolleranza diffusa e preoccupante. Se le accuse venissero confermate, servirebbero pene esemplari. Gli attacchi ai giornalisti e reporter aumentano di giorno in giorno. Questo è frutto della politica di ostilità nei confronti della stampa che Di Maio e Di Battista cavalcano. Sarebbe il caso di metterci un freno". 

"Ricordiamo che ai giornalisti impegnati nel loro lavoro si può rispondere o non rispondere - ha sostenuto Gianfranco Librandi del Pd -. Gli attacchi che si susseguono contro i cronisti sono solo il risvolto della medaglia delle continue vessazioni che Di Maio e Di Battista producono in ogni diretta social. Questo è il risultato, che mette in pericolo la democrazia che si fonda sulla libertà dell'informazione"

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata