Bari, udienza processo escort: depone Montereale. Rinvio al 2 febbraio

Bari, 15 dic. (LaPresse) - E' ripreso stamattina il processo dinanzi ai giudici della seconda sezione penale del tribunale di Bari (presidente Luigi Forleo, a latere Lucia Depalo e Antonella Cafagna) per il processo sul presunto giro di escort organizzato da Giampaolo Tarantini nelle residenze di Silvio Berlusconi. L'udienza di oggi doveva essere dedicata alla testimonianze di altre cinque ragazze che sarebbero state reclutate dall'imprenditore barese, ma in aula c'era solo Barbara Monreale, la cui testimonianza è già stata iniziata nella scorsa udienza del 28 novembre. Le altre sono Grazia Capone, Roberta Nigro, Barbara Guerra e Clarissa Campironi. Grazia Capone è stata soprannominata l'Angelina Jolie di Bari, ed è stata ex dipendente dell'ufficio stampa privato del leader di Forza Italia.

Fu lei la donna che il 30 settembre del 2013, durante il processo-stralcio all'avvocato Salvatore Castellaneta, disse ai giornalisti che Silvio Berlusconi le avrebbe proposto di diventare la sua fidanzata, ma lei avrebbe rifiutato. Al momento, nessuna delle quattro testimoni, esclusa Montereale, che sta deponendo, è presente in aula. Assente anche il principale imputato Gianpaolo Tarantini, accusato insieme ad altre sei persone di associazione per delinquere finalizzata all'induzione, al favoreggiamento e allo sfruttamento della prostituzione.

A fine mattinata l'udienza è stata aggiornata al prossimo 2 febbraio 2015. Oggi in aula si è presentata solo Barbara Montereale per concludere la testimonianza iniziata lo scorso 28 novembre. Non c'erano le altre testimoni citate.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata