Bari, boss chiede pizzo compagno di cella: riscuotono mamma e sorella

Bari, 7 nov. (LaPresse) - Incredibile estorsione quella scoperta dai carabinieri di Molfetta che hanno arrestato la moglie e la sorella di un boss di San Severo (Foggia), detenuto presso il carcere di Trani. A portare alla luce la vicenda la denuncia della figlia di un 60enne, compagno di cella del boss, minacciato di morte qualora non avesse fatto consegnare alle donne 2.500 euro. Alla consegna, però, fissata al casello autostradale di Molfetta, nel Barese, si sono presentati i carabinieri che hanno arrestato le due donne con l'accusa di estorsione. Entrambe sono state messe a disposizione della procura della Repubblica di Trani presso la locale casa circondariale. Il boss dovrà rispondere dell'accusa di essere il mandante dell'estorsione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata