Banca Etruria, i pm: "Filone papà Boschi ancora da esaminare"
Smentite le indiscrezioni di stampa che danno per probabile la richiesta di archiviazione per Pier Luigi Boschi

I magistrati della procura di Arezzo che indagano su Banca Etruria devono ancora esaminare il filone dell'inchiesta in cui è coinvolto Pier Luigi Boschi, padre della sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena. Lo si apprende da fonti della procura aretina, le quali smentiscono le indiscrezioni di stampa che danno per probabile la richiesta di archiviazione per Pier Luigi Boschi. Il filone dell'inchiesta in cui è coinvolto il padre della sottosegretaria riguarda la liquidazione di circa 700mila euro concessa all'ex direttore generale di Banca Etruria, Luca Bronchi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata