Antitrust, al via il convegno a Treviso con Laitenberger e Pitruzzella
Il 24 e il 25 maggio torna la tredicesima edizione del convegno

Torna a Treviso il 24 e 25 maggio il 13° convegno Antitrust fra diritto nazionale e diritto dell'Unione Europea, organizzato dallo Studio Rucellai & Raffaelli di Milano. La due giorni, organizzata dal 1992 con cadenza biennale, è ospitata dalla Fondazione Cassamarca di Treviso, alla Casa dei Carraresi. I lavori saranno aperti dagli interventi del Direttore Generale della DG Concorrenza della Commissione europea Johannes Laitenberger e del Presidente Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Giovanni Pitruzzella.

"Il convegno - spiega l'avvocato Enrico Adriano Raffaelli - ha l'obiettivo di approfondire alcuni tra i temi che, in questo momento, stanno impegnando i giuristi (in house counsel, avvocati, magistrati, funzionari delle Autorità Antitrust, accademici) che operano nel settore Antitrust. Saranno affrontate tematiche relative al private enforcement, alle nuove tecnologie, alla globalizzazione e alla tutela del consumatore. La diffusione dei valori della concorrenza continua ad essere uno dei fattori primari per favorire una crescita effettiva dell'economia che passa necessariamente attraverso una più accentuata apertura dei mercati alla concorrenza".

"È importante inoltre che ci si renda conto di quanto l'opera di tutela del consumatore contribuisca ad una sempre più vivace e corretta concorrenza", evidenzia l'avvocato Raffaelli. Il convegno vanta il patrocinio dell'Union des Avocat Europeen (U.A.E.), dell'Associazione Italiana per la Tutela della Concorrenza (LIDC), dell'Associazione Italiana dei giuristi di Impresa (AIGI), dell'European Company Lawyers Association (ECLA), dell'Associazione Antitrust Italiana (AAI) e del Centro di Eccellenza Jean Monnet dell'Università degli Studi di Milano. L'attualità degli argomenti trattati e la presenza di speakers altamente qualificati hanno reso il convegno di Treviso, sin dalla sua prima edizione, uno dei più significativi momenti di incontro e discussione tra i maggiori rappresentanti del settore Antitrust, a livello nazionale ed internazionale. "L'economia digitale - sottolinea l'avvocato Enrico Adriano Raffaelli - propone delle sfide talmente innovative che potranno essere fronteggiate solo con una riconsiderazione della normativa Antitrust, rimasta immutata rispetto alla sua originaria formulazione che risale a 130 anni fa. Alla luce del numero sempre più elevato di piccole imprese in possesso di big data, lo stesso concetto di potere di mercato va ridefinito. E questo è solo un esempio di quello che bisognerà attrezzarsi a fare". Un'occasione qualificata di confronto su questi temi sarà, dal 24 al 25 maggio, proprio il convegno di Treviso, che da sempre annovera tra i suoi partecipanti rappresentanti delle Autorità Antitrust internazionali, magistrati, responsabili uffici legali di imprese particolarmente sensibili alle tematiche Antitrust, nonché esponenti di spicco del mondo professionale ed accademico coinvolti nell'enforcement del diritto Antitrust.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata