Animalisti in rivolta dopo l'abbattimento dell'orsa KJ2
Alcuni cancellano le prenotazioni per le vacanze, altri giurano di non acquistare più prodotti del posto: parte il boicottaggio al Trentino

"Ho appena disdetto la mia prenotazione in Trentino del 14-15-16, mettono l'orso nei simboli turistici e poi li ammazzano". Gli utenti dei social network non perdonano l'abbattimento dell'orsa KJ2, uccisa sabato sera dagli uomini della guardia forestale della provincia di Trento in esecuzione di un'ordinanza del presidente Ugo Rossi. Come Michele, un utente che su Twitter promette di non andare più in vacanza a Trento, sono decine le persone intervenute con l'hashtag #Kj2 per criticare la decisione delle autorità di abbattere l'animale, protagonista lo scorso 22 luglio di un'aggressione a un escursionista nella Valle dei Laghi. "Prima decidono di introdurli in un territorio e poi di farli fuori.." e "io in Trentino non ci metto più piede", scrivono altri utenti.

In molti hanno annunciato l'adesione al boicottaggio lanciato dalle associazioni animaliste. "Un cittadino onesto non deve recarsi più in Trentino né acquistare alcun prodotto di quella terra avvelenata dall'odio, dalla malapolitica, e anche inquinata", ha scritto l'Enpa commentando indignata la morte dell'animale. "L'uccisione di KJ2 non resterà impunita: da subito via al boicottaggio e poi tutte le pratiche utili per fermare legalmente e isolare la mano assassina di animali", ha fatto sapere Aidaa.

"L'amministazione provinciale di Trento ancora una volta ha dato prova di prepotenza e crudeltà", scrive su Facebook il Movimento Animalista, mentre il WWF fa sapere che sta valutando come procedere sul piano legale, e intanto convoca per fine settembre gli Stati Generali dell'Orso in Italia, perché gli ultimi episodi hanno messo in luce come sia indispensabile ed improcrastinabile un netto salto di qualità nella gestione del plantigrado, ancora sull'orlo dell'estinzione, su tutto il territorio nazionale.

 

 

Decine le risposte all'appello online: "No vacanza in #Trentino. Le bestie sono gli umani!", "si poteva scegliere tra 1000 soluzioni. Si è scelto la peggiore", scrive un utente. "Non sono #animalista, mi pare estremismo. Ma #Trentino deve vergognarsi per brigantesco e bestiale assassinio", scrive Alessandro. Pioggia di critiche soprattutto per il presidente della provincia Rossi, giudicato "non all'altezza" e da molti chiamato "assassino". 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata