Animal Equality: Per agnelli trasportati da Est Ue 30 ore di sofferenza

Roma, 23 dic. (LaPresse) - In prossimità delle festività natalizie, Animal Equality lancia un aggiornamento della campagna 'Salva Un Agnello' contro il commercio di carne di agnello in Italia. L'associazione in un video mostra i viaggi che gli agnelli provenienti dagli allevamenti dell'Est Europa (Romania e Ungheria) devono affrontare prima di arrivare nei macelli italiani. "Grazie al lavoro degli investigatori - denuncia in un comunicato Animal Equality - abbiamo potuto filmare camion che trasportavano anche oltre 700 agnelli, stipati su quattro piani, estenuati dal viaggio durato per più di 30 ore e 1500 chilometri attraverso quattro paesi, senz'acqua e con poca lettiera che li ha costretti a restare un giorno intero immersi nei loro stessi escrementi". "In alcuni di questi casi - fa sapere Animal Equality -i trasporti sono stati controllati dalla forze di polizia, intervenute tempestivamente su impulso degli investigatori di Animal Equality". "Per ognuno dei camion filmati - fa sapere Animal Equality - le autorità sono state allertate ed è stata fornita loro una puntuale descrizione delle irregolarità riscontrate. E' stato inoltre atteso dagli attivisti l'intervento delle autorità competenti per accertamenti ed eventuali sanzion ai trasportatori, agli allevatori e ai proprietari dei macelli che commissionano simili carichi".

"Prendendo coscienza di quello che Animal Equality sta mostrando con particolare tenacia prima della Pasqua e del Natale, ovvero i periodi di maggior consumo di carne d'agnello, possiamo mettere fine a questa insensata sofferenza. Scegliere di non consumare la carne di questi cuccioli dovrebbe essere la naturale reazione alla visione delle immagini che abbiamo ottenuto. Ed è l'unico passo concreto per cambiare veramente la terribile realtà in cui si trovano questi individui indifesi", ha dichiarato Matteo Cupi, presidente di Animal Equality in Italia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata