Addio a Carla Fendi. Rutelli: Protagonista grande artigianato italiano
Il commento dell'ex sindaco di Roma sulla notizia della morte della stilista

"Addio a Carla Fendi. Sono addolorato come per la morte di una persona della mia famiglia. Abbiamo condiviso esperienze meravigliose. La sua fedeltà alle radici e alle virtù del grande artigianato italiano ne ha fatto una protagonista mondiale". Così Francesco Rutelli, ex sindaco di Roma, sul suo profilo facebook, postando una sua foto che lo ritrae con la stilista, presidente della  omonima Fondazione, commentando la notizia della scomparsa della creatrice di moda, morta a 80 anni..

Quarta delle sorelle Fendi, Carla, dopo gli studi classici entra alla fine degli anni '50 ancor giovane nell'azienda di famiglia  a fianco delle sorelle Paola, Anna, Franca e poi Alda. E' quanto di legge sul sito della Fondazione Carla fendi. La sua formazione si è completata  in settori diversi  facendo esperienze nell'amministrazione, nella produzione, nella vendite, nella progettazione dove lavora, insieme alle sorelle, a fianco di  Karl Lagerfeld. Parallelamente già dagli anni sessanta  si dedicò al settore delle relazioni pubbliche puntando innanzitutto e strategicamente sul mercato più difficile, quello americano, i cui successi ottenuti hanno definitivamente sancito la fama di Fendi  in tutto il mondo. Con la crescita e lo sviluppo dell'azienda Carla Fendi, pur continuando a collaborare alla creazione si è occupata in modo specifico della Comunicazione, dall'Ufficio Stampa, alla Pubblicità, all'Immagine, alle Manifestazioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata