'Ndrangheta, Dia Calabria: In 2014 sequestrati beni per 524 mln euro

Reggio Calabria, 14 gen. (LaPresse) - Il centro operativo Dia di Reggio Calabria e la Dia di Catanzaro, con il costante coordinamento delle rispettive Dda, nell'ambito delle attività di contrasto alla 'Ndrangheta nel 2014 ha arrestato 7 persone e sottoposto a sequestro e/o confisca beni per oltre 524 milioni di euro. Tra le operazioni più significative 'Breakfast', ancora in corso, volta a smascherare le attività illecite di occultamento del patrimonio riconducibile al latitante Matacena e che ha portato a 7 arresti, tra cui l'ex ministro Claudio Scajola. Poi l'operazione 'Assenzio', che ha svelato i meccanismi fraudolenti utilizzati da un gruppo di imprenditori, tra i quali Domenico Giovanni Suraci (ex consigliere comunale a Reggio Calabria) e Giuseppe Crocè, per ottenere indebite erogazioni di contributi pubblici. In seguito alle indagini sono stati sequestrati 125 milioni di euro riconducibili ai due imprenditori.

Grazie a un'altra operazione è stata poi effettuata la confisca di beni per circa 100 milioni di euro nei confronti dell'imprenditore cosentino Pietro Citrigno. Dal 2010 a oggi sono stati compiuti sequestri e confische di beni per circa 2 miliardi di euro, 27 arresti, denunce a piede libero nei confronti di 206 persone, 56 proposte di applicazione di misure di prevenzione, 21 accessi a cantieri edili.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata