'Il nuovo Ponte di Genova. Costruire il futuro': tutto pronto per concerto Orchestra Accademia S. Cecilia diretta dal Maestro Pappano
'Il nuovo Ponte di Genova. Costruire il futuro': tutto pronto per concerto Orchestra Accademia S. Cecilia diretta dal Maestro Pappano

Un evento promosso da Webuild e Fincantieri e organizzato da Webuild proprio ai piedi del nuovo Ponte

E' tutto pronto per la serata 'Il nuovo Ponte di Genova. Costruire il futuro', un tributo a tutti coloro che hanno lavorato per ricostruire l'opera.

A promuovere l'evento, a porte chiuse, in diretta in streaming sul sito https://www.webuildgroup.com/it, sono le aziende che hanno realizzato l'opera - Webuild e Fincantieri - e a organizzarlo è Webuild.

Sulle note della Quinta Sinfonia di Beethoven saranno celebrati non solo il nuovo Ponte e l'impegno di tutte le persone che hanno dato il loro contributo alla costruzione, ma anche la volontà delle istituzioni e il know how del Gruppo Webuild e di Fincantieri che hanno trasformato il cantiere di Genova in un modello nazionale per il futuro delle infrastrutture italiane. Mille uomini, 330 aziende (tra fornitori e sub fornitori) provenienti da tutta Italia.

Per celebrare la realizzazione dell'imponente opera è stata organizzata la serata ai piedi del nuovo Ponte, ormai completato a tempo di record in quello che è stato definito "il cantiere multidimensionale che non si è fermato mai, al lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7".

Momento centrale dell'evento è il concerto straordinario dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta dal Maestro Antonio Pappano. E per rendere omaggio al lavoro di squadra che ha portato alla ricostruzione del nuovo Ponte, è stata scelta la musica di Ludwig van Beethoven, di cui quest'anno ricorrono i 250 anni dalla nascita.

Ad eseguirla l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, che, durante le prove del concerto, ha fatto risuonare ai piedi del nuovo viadotto le note della sinfonia numero 5.

Il concerto, che sarà preceduto da un omaggio alle 43 vittime del crollo del Ponte Morandi, vuole ricordare il lavoro di chi, proprio come un'orchestra impegnata nell'esecuzione di una complessa sinfonia, ha costruito un'opera corale all'unisono.

La serata di lunedì 27 luglio celebra quindi l'impegno e il modello che ha consentito di ricreare un collegamento viario fondamentale, un simbolo di riscatto e di eccellenza del made in Italy, divenuto bandiera di tutto il Paese. Un intenso anno di attività che ha trasformato il Ponte di Genova in un messaggio di speranza per l'Italia intera.

Presenti all'evento, il Sindaco di Genova e Commissario Straordinario per il Ponte Marco Bucci, il Governatore della Regione Liguria Giovanni Toti, l'Arcivescovo di Genova Monsignor Marco Tasca, il Cardinal Angelo Bagnasco, il Prefetto di Genova Carmen Perrotta, l'architetto Renzo Piano, l'Ad di Webuild Pietro Salini, il Direttore Generale di Fincantieri e Presidente di Pergenova Alberto Maestrini.

A sottolineare la dedizione di ognuna delle persone che in poco più di un anno hanno contribuito a realizzare il nuovo Ponte sarà anche una mega targa bronzea con inciso il nome dei mille uomini e donne che hanno lavorato giorno e notte, anche durante il lockdown, con la massima attenzione ai temi della sicurezza sul lavoro.

La targa sarà svelata proprio durante la serata per poi essere issata su uno dei diciotto giganti di calcestruzzo che sorreggono il nuovo Ponte di Genova.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata