"I profughi sono clandestini e illegali". Sotto accusa un sussidiario delle elementari
Un capitoletto del libro indirizzato alle quinte recita: "La permanenza degli immigrati in Italia non è autorizzata dalla legge. E la loro integrazione è difficile". E' polemica

I profughi sono clandestini e illegali. Sono le parole usate in un sussidiario indirizzato alle quinte elementari italiane dal titolo 'Diventa protagonista', scritto da Berardi, Giorgi e Rubaudo per l'editore Il capitello. Il capitoletto recita così: "E' aumentata la presenza di stranieri provenienti soprattutto dai Paesi asiatici e dal Nord Africa. Molti vengono accolti nei centri di assistenza per i profughi e sono clandestini, cioè la loro permanenza in Italia non è autorizzata dalla legge. Nelle nostre città gli immigrati vivono spesso in condizioni precarie: non trovano un lavoro, seppure umile e pesante, né case dignitose. Perciò la loro integrazione è difficile: per motivi economici e sociali, i residenti talvolta li considerano una minaccia per il proprio benessere e manifestano intolleranza nei loro confronti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata