25 anni fa la strage di Via D’Amelio
(LaPresse) Tricolore ovunque, biglietti, frasi, pensieri, di chi c’era quel giorno o di chi ha sentito il racconto di quanto accaduto il 19 luglio 1992 in Via D’Amelio, a Palermo. Quando in un attentato terroristico e mafioso persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e la sua scorta. Magliette azzurre, un azzurro Italia che tanto richiama il cielo, e una scritta bianca: un grande 25 che spiega quanti sono gli anni trascorsi alla ricerca della verità. C’è chi fotografa un libro intitolato “Paolo Borsellino e l’agenda rossa” e chi ha scritto una frase che sembra una promessa: “Una volta c’erano Giovanni e Paolo, ora ci siamo noi a combattere”