L'indagine archeologica è nata da una segnalazione di Sergio Boem, nipote di Ubaldo Ingravalle, ufficiale del battaglione Valcamonica durante la Grande guerra

(LaPresse) Dodici corpi scheletrizzati sono stati recuperati in una fossa comune sopra il passo del Tonale dall’ufficio beni archeologici della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, in accordo con il Commissariato generale per le onoranze ai caduti del ministero della Difesa che ha la competenza esclusiva del recupero di resti umani appartenenti a soldati. L’indagine archeologica è nata da una segnalazione di Sergio Boem, nipote di Ubaldo Ingravalle, ufficiale del battaglione Valcamonica durante la Grande guerra. Tutto è partito infatti dal diario dell’ufficiale, custodito dal nipote, che riportava l’informazione di una fossa comune contenente decine di soldati caduti nella prima guerra mondiale durante quella che fu definita ‘operazione valanga’ del 13 giugno 1918. Solo la perseveranza di Boem ha permesso di dimostrare che quell’informazione era vera e che in una delle buche di granata che si possono intravedere sopra il passo del Tonale erano ancora presenti i resti di dodici caduti dell’esercito austro-ungarico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata