L'ipotesi degli investigatori è che si sia tolto la vita

Il corpo senza vita di Giacomo Sartori, il 30enne originario della provincia di Belluno di cui si erano perse le tracce a Milano, è stato trovato questa mattina nei pressi di Cascina Caiello, a Casorate Primo (Pavia), vicino al luogo dove era stata ritrovata la sua auto mercoledì. Lo confermano i carabinieri.

 I familiari e gli amici non avevano più sue notizie dalla serata di sabato 18 settembre. Il 30enne era stato visto per l’ultima volta intorno alle 23.30 in un locale di viale Vittorio Veneto a Milano. Si trovava insieme ad alcuni amici per passare la serata e mezz’ora prima della mezzanotte era andato via. Era un po’ scosso perché gli avevano rubato uno zaino con il pc e il portafogli, ma agli amici non aveva detto nulla di particolare.

L’ipotesi del suicidio

 L’ipotesi più probabile, secondo le prime informazioni, è che Giacomo Sartori si sia suicidato. Lo fanno sapere gli investigatori dopo il ritrovamento del corpo senza vita del giovane, originario della provincia di Belluno, di cui si erano perse le tracce a Milano la sera del 18 settembre scorso.  

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata