Il Capo dello Stato ricorda il disastro avvenuto 65 anni fa nella miniera di carbone belga: "Oggi viviamo una nuova fase di ripresa e ripartenza"

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricordato il disastro di Marcinelle, avvenuto l’8 agosto 1956, quando un incendio divampato nella miniera di carbone du Cazier della cittadina belga causò la morte di 262 persone, 136 delle quali erano immigrati italiani

Disastro di Marcinelle

Il disastro di Marcinelle del 1956

Desidero rendere omaggio al sacrificio di 262 minatori, tra cui 136 italiani, che sessantacinque anni or sono persero la vita nella tragedia di Marcinelle”, ha scritto Mattarella in un messaggio in occasione del 65° anniversario della tragedia di Marcinelle e della 20esima Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo.

“Il mio pensiero più rispettoso e la vicinanza della Repubblica vanno oggi innanzitutto ai familiari di quanti hanno perso la vita sul luogo di lavoro, emblematicamente rappresentati dai parenti delle vittime di Marcinelle. Possa questo messaggio raggiungere altresì tutti i nostri connazionali che si trovano all’estero per ragioni professionali, con sentimenti di viva riconoscenza per il loro contributo e il loro impegno”, ha aggiunto il Capo dello Stato.

“Gli ambiziosi traguardi che ci siamo prefissati nei piani di rilancio e resilienza non potranno essere raggiunti senza un responsabile sforzo, individuale e collettivo. Quella responsabilità esercitata dai tanti lavoratori italiani che hanno percorso le vie del mondo“, ha proseguito Mattarella.

“Ricorre quest’anno anche il settantacinquesimo anniversario dalla stipula dell’Intesa italo-belga per l’approvvigionamento di carbone all’Italia distrutta dalla guerra. Dalle criticità di tale accordo, e da tragici eventi come quelli che si verificarono al Bois du Cazier, l’Europa ha appreso l’importante lezione di dover porre diritti e tutele al centro del processo di integrazione continentale”, ha sottolineato il Capo dello Stato. “Oggi viviamo una nuova fase di ripresa e ripartenza. L’Unione europea – edificata sulla base di valori condivisi e di norme e istituzioni comuni – ha saputo trovare in sé energie per aiutare i popoli degli Stati membri nel difficoltoso cammino di uscita dalla pandemia“, ha concluso Mattarella.

Casellati: “Dramma vicino, di lavoro si continua a morire”

Disastro di Marcinelle, i funerali delle vittime

Disastro di Marcinelle, i funerali delle vittime

Anche la Presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha espresso un commosso pensiero in ricordo della tragedia di Marcinelle. “Sessantacinque anni fa la tragedia di Marcinelle segnò per sempre la storia del nostro Paese. L’incendio che divampò nelle miniere di carbone in Belgio uccise 136 emigrati italiani. Un dramma lontano nel tempo, ma tristemente vicino ai problemi del presente”, ha dichiarato Casellati.

Di lavoro, purtroppo, si continua a morire. È inaccettabile che in una società moderna, fondata proprio sul diritto al lavoro, la sicurezza venga spesso sacrificata o compromessa per una inaccettabile negligenza“, ha concluso la Presidente del Senato. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata