La cantautrice al presidio di Milano contro l'omotransfobia: "Voglio cantare ed esprimere ciò che penso"

“Per me essere inseguita dai paparazzi e schiaffata su tutti i giornali di gossip è stato brutto e doloroso. Io sono una cantante, sono sui giornali perché canto. Non volevo nemmeno essere famosa, ma solo cantare. Voglio cantare ed esprimere ciò che penso. Sui diritti di tutti io mi accanisco”. Lo ha dichiarato la cantante Paola Turci, presente a Milano al presidio dei Sentinelli a sostegno del Ddl Zan contro l’omotransfobia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata