Minori spacciavano vicino alle scuole, numerose le perquisizioni

È in corso a Siracusa l’esecuzione, da parte dei carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando provinciale aretuseo, di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Catania a carico di 31 appartenenti a un sodalizio criminoso ritenuto responsabile, a conclusione di indagini dirette dalla Dda di Catania, di traffico e spaccio di ingenti quantitativi di cocaina, crack, marijuana, hashish e metanfetamine. Il gruppo criminale aveva costituito una piazza di spaccio delimitata anche da cancelli abusivamente collocati e protetta da vedette, capace di produrre incassi fino a 25mila euro al giorno e spacciava anche in prossimità di scuole e avvalendosi di minori, mentre 17 indagati sono risultati indebiti percettori del reddito di cittadinanza. Sono in atto numerose perquisizioni con l’ausilio di cani antidroga e di ricerca armi ed esplosivi. All’attività, eseguita da circa 150 militari, partecipano assetti specialistici del 12esimo Reggimento Carabinieri ‘Sicilia’ di Palermo e dello Squadrone Eliportato Carabinieri ‘Sicilia’ di Sigonella, e un elicottero dell’Arma. “Importante colpo inferta alla criminalità organizzata”, commenta il Comandante Provinciale Carabinieri di Siracusa, Col. Giovanni Tamborrino.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata