La Polizia di Stato di Palermo ha arrestato 13 persone in prevalenza cittadini extracomunitari di nazionalità nigeriana, neutralizzando una delle principali roccaforti del traffico di sostanze stupefacenti del capoluogo siciliano. Le indagini dei poliziotti della squadra mobile hanno delineato l’esistenza di un’associazione a delinquere di tipo gerarchico e piramidale. Al vertice due nigeriani con precedenti per stupefacenti, regolarmente presenti sul territorio nazionale, tanto da beneficiare anche del reddito di cittadinanza, che erano coadiuvati da altri 5 connazionali e supportati da un cittadino italiano. Cocaina ed eroina giungevano a Palermo prevalentemente dalla provincia di Napoli, per poi essere smistate anche a Marsala, Mazara del Vallo, Castelvetrano e Licata. Nell’operazione, denominata “Sister White”, arrestati 5 italiani e 4 extra-comunitari, con sequestro di circa 1.500 Kg di cocaina e 500 gr di eroina, oltre a 9.000 euro in contanti .La droga aveva un valore all’ingrosso di circa 100.000 Euro che sulle piazze di spaccio avrebbe reso sino a 300.000,00 euro a seconda della percentuale di sostanza con cui sarebbe stata tagliata. Gli arresti sono stati eseguiti in varie parti del Sud Italia, da Palermo sino a Castel Volturno (Napoli), con l’ausilio di personale delle Squadre Mobili di Napoli e Trapani.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata