La procura di Milano ha aperto un fascicolo 'a modello 45', ossia senza ipotesi di reato nè indagati, in merito alla cessione del Milan a Yonghong Li, subito dopo le tre "segnalazioni di operazioni sospette" trasmesse nei mesi scorsi dall'Unità di informazione finanziaria di Bankitalia alla Guardia di finanza, proprio in merito al passaggio dei rossoneri nelle mani dell'imprenditore cinese. La notizia in merito agli accertamenti da parte degli inquirenti milanesi, di cui si era già parlato lo scorso gennaio, è arrivata proprio nel giorno in cui il Corriere della Sera, ha riportato che il tribunale del popolo di Shenzhen ha ufficialmente dichiarato fallita la società 'Jie Ande', la 'cassaforte' dell'uomo di affari residente a Hong Kong

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata