2017: un anno di cronaca. Da Rigopiano a Totò Riina
Un anno aperto dalla violenza (acido in faccia) su Gessica Notaro e chiuso dalla (buona) legge sul biotestamento. Muoiono Villaggio e Marchesi

Si è aperto con un ennesimo atto di violenza contro le donne (l'aggressione con l'acido a Gessica Notaro) e si è concluso con una conquista in termini di diritti civili: il biotestamento. Il 2017 in Italia è stato un anno segnato da tragedie, come la valanga che ha investito l'hotel di Rigopiano o il terremoto a Ischia, ma anche da grandi momenti di spettacolo, come il concerto di Vasco Rossi a Modena per i suoi 40 anni di carriera. Ci sono state morti di personaggi che in positivo o in negativo hanno segnato la storia italiana, dal genio comico di Paolo Villaggio al 'capo dei capi' Totò Riina fino all'innovatore della nostra cucina, Gualtiero Marchesi.

La caccia a 'Igor il russo' ha occupato grande spazio nella cronaca, accanto alla battaglia di Dj Fabo per morire con dignità e alla condanna definitiva di Francesco Schettino a 16 anni di carcere per il naufragio della Costa Concordia. Lo spettro dell'Isis è arrivato anche in Italia con un attacco più subdolo di quello delle bombe: la paura e il panico che si sono sviluppati in piazza San Carlo a Torino durante la finale di Champions League Juventus-Real Madrid e che ha causato la morte di una donna e oltre 1.500 feriti. Ecco, in sintesi, ciò che è accaduto in Italia nel 2017:

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata