Negli anni Cinquanta l'Italia era uno dei paesi europei più giovani. Oggi, tra quelli più vecchi. A certificarlo anche l'Istat. Secondo il report "Sessant'anni di Europa", infatti, il baricentro della popolazione italiana si è spostato di oltre 15 anni. Così, "se nel 1957 la metà della popolazione italiana aveva meno di 31 anni, ora ne ha più di 45", si legge nell'indagine. Lo stesso fenomeno si registra anche per gli altri Stati dell'Unione europea, ma con "un'intensità minore". Si alza inoltre lʼetà del parto: lʼetà media si attesta sui 32 anni, contro i 30,9 dellʼUnione europea nel suo complesso

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata