Ai domiciliari l'insegnante di una scuola superiore siciliana. Il rapporto nato su Messenger

Un professore di una scuola superiore a Partinico (Palermo) è stato posto agli arresti domiciliari martedì con l'accusa di aver compiuto atti sessuali con un'alunna minore di 16 anni con la quale intratteneva una relazione sentimentale. L'età del consenso per i rapporti sessuali è fissata a 16 anni nel caso in cui il partner sia una persona che potrebbe avere un particolare ascendente sul minorenne, come appunto un insegnante. Le indagini nei confronti del docente erano in corso da marzo, quando la studentessa ha lasciato volontariamente la casa dei genitori.

Decisive per l'accusa sono state le dichiarazioni della ragazza, interrogata dal pool 'Fasce deboli' del tribunale di Palermo, e l'acquisizione delle conversazioni tra i due su Messenger. Il professore era presente sul social network con uno pseudonimo. Dopo l'interrogatorio di garanzia, che si è svolto ieri mattina, gli arresti domiciliari sono stati confermati.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata