Roma, 23 lug. (LaPresse) – “Siamo convinti di avere tutti gli elementi a disposizione per dire che non si debba chiudere” l’altoforno 2 in cui è morto un operaio. Così il commissario straordinario dell’Ilva Enrico Laghi in merito all’incidente all’altoforno 2 di Taranto, costato la vita a un lavoratore. A margine di un’audizione in commissione Ambiente alla Camera e alla vigilia della possibile chiusura dell’altoforno, Laghi ha aggiunto: “Abbiamo elementi concreti che ci permettono di dire che possiamo proseguire senza ostacoli. Auspichiamo un’attività di monitoraggio della magistratura”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata