Cosenza, 9 lug. (LaPresse) – Un complesso turistico e cinque ettari di terreno sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale di Cosenza, a conclusione di verifiche fiscali su un imprenditore e su società a lui collegate. Il valore di beni cui sono stati apposti i “sigilli”, per tutelare le future pretese dell’erario, ammonta a circa 700 mila euro. Le contestazioni penali riguardano la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, utilizzate per realizzare guadagni illeciti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata