Ascoli Piceno, 21 giu. (LaPresse) – Salvatore Parolisi, il marito della mamma 29enne Melania Rea, è stato iscritto nel registro degli indagati per omicidio volontario. Lo confermano fonti investigative sottolineando che non ci sono altri indagati. La giovane è scomparsa il 18 aprile ed è stata ritrovata morta due giorni dopo nel bosco di Ripe di Civitella nei pressi di Teramo.

“Abbiamo preso anche noi atto dell’iscrizione di Parolisi nel registro degli indagati per omicidio volontario. Lui è sereno e tranquillo. Si difenderà come ha fatto finora e la difesa si baserà sempre sulle sue dichiarazioni. D’altra parte lui è stato ritenuto presunto colpevole fin dall’inizio, per cui continuiamo sulla nostra linea”. Sono queste le parole di Nicodemo Gentile, avvocato di Salvatore Parolisi.

L’iscrizione nel registro degli indagati di Parolisi potrebbe essere avvenuta in seguito alla relazione sull’autopsia del cadavere della donna, sfregiato da diverse coltellate. Nei giorni scorsi a Folignano, il paese vicino ad Ascoli dove l’uomo abitava insieme alla moglie era stato trovato un telefonino che il militare aveva gettato nei pressi del campo sportivo. Parolisi aveva ammesso la proprietà dell’oggetto specificando che si trattava di quello con cui era solito comunicare con l’amante Ludovica.

“L’hanno presa in malo modo, nel senso che aggiungono dolore al dolore. Avrebbero preferito non saperlo mai”. E’ la prima reazione della famiglia di Melania Rea, la mamma 29enne trovata morta il 20 aprile nel bosco di Ripe di Civitella, quando ha saputo dell’iscrizione di Salvatore Parolisi nel registro degli indagati. A raccontarlo è Mauro Gionni, legale dei parenti della vittima. “Ora è una possibilità che l’omicidio possa essere stato commesso dal marito. Avevano riposto fiducia in lui, come anche Melania. Ma tra le angosce più grandi c’è anche il futuro della figlia della coppia. Questa bimba non ha più la madre e nel caso fosse colpevole non avrà più nemmeno il padre. I parenti vorrebbero non pensarci a questa eventualità”, ha concluso il legale

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata