Mercatini non alimentari, la protesta degli ambulanti: "Noi i nuovi poveri"

A Torino flashmob nelle piazze del centro: le istituzioni ci ascoltino

Il loro giro d'affari vale il 3% del PIL e il settore conta oltre 1 milione di addetti. Sono gli ambulanti dei marcati, comparto 'non alimentare'. A Torino centinaia di gestori di banchetti hanno inscenato un flashmob di protesta. “Nessuno ci ascolta, siamo i nuovi invisibili” denuncia Giulia Moretto, rappresentante del rinomato Mercatino 'Della Crocetta'. In varie piazze del centro e poi tutti insieme davanti alla Regione Piemonte hanno chiesto a gran voce un incontro con le istituzioni locali nel giorno di riapertura di tuttti i mercati alimentari, compreso quello di Porta Palazzo, il più grande mercato all'aperto d'Europa. “Noi invece abbiamo sul groppone tutta la merce acquistata per l'inverno che ci è rimasta sul groppone, non abbiamo più liquidità, ci sono le file davanti al Monte di Pietà insiste la Moretto – siamo fermi da inizio marzo. Non possiamo più vivere”.