Immuni, più di 350mila download in 48 ore
Immuni, più di 350mila download in 48 ore

il ministro Patuanelli: "Ai cittadini non costa nulla, ma aiuta a proteggere se stessi e gli altri. Scarichiamola tutti"

In Italia crescono i contagi e, in parallelo, i download dell'app Immuni. Nel giro di 48 ore, le persone ad aver scaricato l'applicazione per il contact tracing sono state circa 357 mila. Solo il 2 ottobre, i cittadini che l'avevano installata sul proprio cellulare dal lancio a giugno erano poco più di 6 milioni e mezzo. Oggi sono stati superati i 7 milioni, ovvero il 18% dei dispositivi presenti in Italia. E secondo quanto riportato sul sito dell'app stessa, le notifiche da giugno sono state 5870 e gli utenti positivi 357.

Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, su Facebook, ha ricordato l'importanza del tracciamento contatti: "L'app Immuni è uno strumento semplice e importantissimo per combattere il Covid: avverte gli utenti che sono stati a contatto con persone positive al virus, e lo fa nel pieno rispetto della privacy. Ai cittadini non costa nulla, ma aiuta a proteggere se stessi e gli altri. Scarichiamola tutti".

Per funzionare, però, Immuni non deve solo essere scaricata, ma va attivata. L'utente deve registrarsi nella provincia in cui si trova e lasciare sempre acceso il bluetooth per far sì che il tracciamento funzioni. I numeri dei download, dunque, non sono necessariamente indicativi del reale utilizzo dell'applicazione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata