Coronavirus, verso ok dal 4 maggio ad allenamenti e sport
Coronavirus, verso ok dal 4 maggio ad allenamenti e sport

Disco verde anche per comprare cibo da asporto e tornare a fare jogging. E' l'orientamento che il governo sta illustrando durante la cabina di regia con gli enti locali. Via libera alle visite ai parenti

Dal 4 maggio si potrà tornare ad allenarsi e a fare sport. A quanto si apprende, è questo l'orientamento per il prossimo Dpcm, quello relativo alla fase 2, che il premier, Giuseppe Conte, ha illustrato durante la cabina di regia con gli enti locali. La misura riguarderebbe gli sport professionistici. Ma ci sarà anche la possibilità di allenarsi individualmente.

Al via il 4 maggio anche manifattura e cantieri pubblici. Nelle linee guida anche la possibilità di riaprire il commercio all'ingrosso, ma non per tutte le tipologie merceologiche, mentre la vendita al dettaglio potrebbe riprendere dal 18 maggio. Parrucchieri ed estetisti non riapriranno prima di giugno.

Disco verde anche per comprare cibo da asporto e tornare a fare jogging, anche se non in gruppo, sempre dal 4 maggio.

La mobilità sarà solo individuale e tra familiari. Lo spostamento potrà avvenire solo nel comune di residenza (anche se resta da definire se con autocertificazione o meno, che resta obbligatorio per chi deve viaggiare fuori dal comune). Resta vietato andare fuori Regione.

Con l'allentamento delle misure ci saranno più persone per strada e i sindaci sarebbero preoccupati per i controlli: i primi cittadini si chiedono come si potranno organizzare, se ci saranno, nelle misure nazionali, ingressi contingentati nei parchi, il via libera alle visite ai parenti e all'attività motoria. Secondo le rimostranze, le forze della polizia locale non sarebbero sufficienti.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata