Coronavirus, nel Lazio 'mini-lockdown' in provincia Latina dopo boom contagi
Coronavirus, nel Lazio 'mini-lockdown' in provincia Latina dopo boom contagi

In quattro giorni +155% di casi

La Regione Lazio vara un 'mini-lockdown' di due settimane per la provincia di Latina a partire dalla mezzanotte di oggi. Una decisione presa "tenuto conto dell’incremento dei casi registrati dal 4 ottobre pari al 155% e in relazione alle note della Asl di Latina del 7 di ottobre".

L'ordinanza firmata dal governatore Nicola Zingaretti impone restrizioni 'soft' che svariano in vari campi. Si parte con la movida e la chiusura anticipata di pub, bar e ristoranti alle ore 24. Inoltre al tavolo si potrà sedersi al massimo in 4 persone con rispetto del distanziamento sociale. Per quanto riguarda le feste private, anche successive a manifestazioni religiose, il numero massimo di persone consentito è di 20, previa registrazione e adozione delle misure generali di prevenzione, partecipanti a feste private, anche successive a cerimonie religiose. Inoltre viene imposto il divieto di accesso alle strutture sanitarie, per visite a parenti o amici ricoverati. Si potrà entrare solamente in casi eccezionali e all’esito di autorizzazione scritta da parte del responsabile sanitario della struttura di ricovero. Allo stesso tempo saranno contingentati anche gli ingressi a palestre, scuole di ballo e attività di natura sportiva al chiuso mentre davanti alla scuole e nei luoghi pubblici come piazze o spiagge sarà in vigore il divieto di assembramento. Infine è raccomandato il lavoro agile, laddove praticabile, nelle Aziende con sedi sul territorio della Provincia di Latina”.

L’ordinanza del Presidente è una misura necessaria per contenere i numeri del virus che nell’ultima settimana hanno fatto registrare un aumento considerevole in rapporto alla popolazione residente. Le misure richieste dalla Asl e contenute nell’ordinanza sono destinate a garantire il contingentamento e il distanziamento sociale al fine di prevenire un ulteriore aumento dei casi. Confidiamo in uno spirito di collaborazione da parte di tutti i soggetti interessati e nell’attivazione degli opportuni controlli da parte delle Istituzioni preposte", spiega l'assessore alla Sanità, Alessio D'Amato. "E’ indispensabile, in questa fase, rispettare queste regole che non vogliono minimamente essere punitive, ma di prevenzione per evitare ulteriori e più gravose limitazioni

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata