Le vittime sono oltre 46mila. Processati 208.458 tamponi: tasso di positività al 15,4%. Altri 120 pazienti in terapia intensiva

Torna a salire la curva dei contagi da coronavirus in Italia. I nuovi positivi sono 32.191, 4.837 in più rispetto a ieri, a fronte però di 208.458 tamponi processati (ieri erano stati solo 152.663). Il tasso di positività, infatti, cala sensibilmente rispetto a 24 ore fa: oggi si attesta al 15,4%, mentre ieri ha sfiorato il 18%.

Attualmente i soggetti positivi sono 733.810, mentre il totale delle persone che ha contratto il virus da inizio pandemia (incluse quelle guarite e i decessi) è di 1.238.072.

Molto alto anche il numero dei decessi, che oggi sono 731, 227 in più rispetto a ieri. È il numero più alto di morti dallo scorso 3 aprile. Il totale delle vittime raggiunge quota 46.464 da inizio della pandemia.

Aumenta di 120 pazienti il numero dei ricoverati in terapia intensiva, per un totale di 3.612, mentre i pazienti ricoverati nei reparti ordinari sono in totale 33.074, vale a dire 538 in più rispetto all’ultimo rilevamento.

I guariti e i dimessi nelle ultime 24 ore sono stati 15.434, per un totale di 457.798.

“C’è una sorta di stabilizzazione nel numero di test positivi, forse una leggera diminuzione”, ha dichiarato il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, durante la conferenza stampa sull’analisi della situazione epidemiologica.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata