Ventura: Con l'Albania match importante ma nessun timore
Sono sereno anche se consapevole che è una partita delicata

"Non ci sono timori, c'è la consapevolezza dell'importanza partita, è il gettone che ci permette di giocare in Spagna con qualcosa di concreto. Il risultato è estremamente importante". Gian Piero Ventura, commissario tecnico della Nazionale, si proietta così alla sfida di venerdì sera con l'Albania a Palermo, valida per le qualificazioni ai Mondiali. "Ho ritrovato un gruppo che ha la stessa voglia di partecipare, che ha dato grande disponibilità", ha assicurato il mister azzurro in conferenza stampa. "Sono sereno anche se consapevole che è una partita delicata".

Sarà una Nazionale con solo quattro juventini: "Mancano Chiellini e Marchisio, ma ci siamo parlati, sanno che devono ritrovare la miglior condizione", ha spiegato il ct. Sulla scelta di Palermo come sede della sfida, Ventura ha commentato: "Non ho scelto io i campi. Ero a Genova per l'amichevole con l'Albania e mi ha colpito la presenza dei tifosi albanesi a Marsiglia agli Europei contro la Francia. Penso che i tifosi albanesi riempiranno anche Palermo, è una partita storica per loro, è la prima volta che li affrontiamo. Palermo non ha mai deluso per il pubblico, è sempre stato caloroso e mi auguro che sarà così anche stavolta". Quanto al modulo e alla possibile conferma del 4-2-2, il mister azzurro ha spiegato: "Una nazionale non può avere un solo modo di giocare sennò diventa tutto molto scolastico".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata