Vendita Milan, procura apre un fascicolo senza indagati
Ancora da definire l'ipotesi di reato

La Procura di Milano sta indagando sulle tre "segnalazioni di operazioni sospette" trasmesse dall'Unità di informazioni finanziarie della Banca d'Italia alla Guardia di Finanza a proposito della vendita del Milan da parte di Silvio Berlusconi all'imprenditore cinese Yonghong Li. Si tratta di un fascicolo 'modello 45', ossia senza indagati né ipotesi di reato. 

Il procuratore aggiunto Fabio De Pasquale ha raccolto la relazione del Nucleo di Polizia Tributaria di Milano sulle tre segnalazioni, ma al momento non sarebbero state svolte altre attività d'indagine che sarebbe ancora in una fase iniziale. In particolare, non è stata ancora chiesta una rogatoria a Hong Kong, dove si trova la holding dell'imprenditore cinese, dichiarata fallita nei giorni scorsi. Questo passaggio potrebbe essere fondamentale per acquisire documenti sull'operazione Milan e definire l'ipotesi di reato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata