Toro doma il Genoa. Rimonta del Cagliari sul Sassuolo
Non sono mancate le emozioni nelle altre partite della 18/a giornata del campionato di Serie A, in particolare il Toro supera di misura il Genoa con il solito Belotti. Clamorosa la rimonta del Cagliari sul Sassuolo, mentre terminano in parità Palermo-Pescara e Sampdoria-Udinese

 Non sono mancate le emozioni nelle altre partite della 18/a giornata del campionato di Serie A, in particolare il Toro supera di misura il Genoa con il solito Belotti. Clamorosa la rimonta del Cagliari sul Sassuolo, mentre terminano in parità Palermo-Pescara e Sampdoria-Udinese.

TORINO-GENOA 1-0
Un Torino non bello ma tremendamente concreto supera il Genoa per 1-0 all'Olimpico e torna al successo dopo tre sconfitte consecutive. Rossoblu alla terza battuta d'arresto nelle ultime quattro partite. Meglio la squadra di Juric nel primo tempo, più volto pericoloso dalle parti di Hart, ma senza trovare lo spunto decisivo. Toro contratto, ma che nel secondo tempo prende il sopravvento. Belotti sblocca il risultato al 48' con una zampata da centro area su punizione di Ljajic dalla trequarti, complice una dormita di Burdisso. Per il Gallo 13° centro stagionale. I granata si sbloccano e sfiorano poi il raddoppio ancora con Belotti e poi con Baselli. Da segnalare nel Genoa l'esordio nel finale del giovanissimo Pellegri, attaccante classe 2001.


CAGLIARI-SASSUOLO 4-3
Incredibile vittoria del Cagliari al Sant'Elia, 4-3 al Sassuolo in rimonta nella 18esima giornata di serie A. I rossoblu fanno un bel regalo di Natale ai propri tifosi e soprattutto al tecnico Rastelli, di fatto sull'orlo dell'esonero a metà secondo tempo. I sardi, reduci da due sconfitte, vanno avanti 1-0 con una zampata di Sau da centro area, poi si trovano sotto 3-1 in avvio di ripresa con le reti neroverdi firmate da Adjapong, Pellegrini e Acerbi su rigore, ma a quel punto, con l'uomo in più per l'espulsione di Pellegrini, ribaltano nel giro di 13 minuti il risultato con Borriello, Farias e la doppietta di Sau. Il Cagliari sale a quota 23 punti in classifica, mentre gli emiliani, al terzo stop di fila, restano a quota 17.

PALERMO-PESCARA 1-1
Termina 1-1 al Renzo Barbera la sfida salvezza tra Palermo e Pescara, valida per la 18/a giornata di Serie A. La squadra di Oddo pareggia grazie a un rigore in extremis di Biraghi il vantaggio iniziale dei padroni di casa di Quaison e nel finale sfiora anche il 2-1. Continua il tabù casalingo per i rosanero, ancora a secco di vittorie. Primo tempo di marca palermitana, la squadra di Corini spinta dal pubblico attacca e poco dopo la mezzora passa con un una azione personale di Quaison: doppio dribbling fuori area e gran destro dal limite che non lascia scampo a Bizzarri. Nel secondo tempo il Pescara si riorganizza, ma il Palermo sembra controllare senza fatica. Nel finale succede poi di tutto: al Pescara viene prima annullato un gol regolare a Fornasier. Poi l'arbitro quasi a compensare l'errore precedente concede un rigore dubbio per fallo su Caprari, dal dischetto Biraghi non sbaglia. In pieno recupero sono ancora i ragazzi di Oddo a sfiorare la rete della vittoria con Memushaj fermato da Posavec.


SAMPDORIA-UDINESE 0-0

Sampdoria e Udinese hanno pareggiato 0-0 nella 18/a giornata di Serie A al termine di una gara priva di emozioni. Dopo venti minuti promettenti a Marassi la partita si spegne. Meglio l'Udinese nella prima mezz'ora, poi la Samp prova ad attaccare con più convinzione ma non riesce quasi mai a impensierire Karnezis. L'estremo difensore bianconero è chiamato in causa solo nella ripresa da una conclusione velenosa di Quagliarella. L'ingresso di Schick prova a dare la scossa ai blucerchiati, ma l'ex attaccante dello Sparta Praga non va oltre un diagonale di poco a lato. Udinese che di fatto si è limitata a controllare, senza quasi mai farsi vedere in avanti. Con questo pari la squadra di Delneri sale a quota 25 punti, mentre i doriani salgono a quota 23.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata