Szczesny: Non siamo qui per lottare per il secondo posto
"La Juventus, ovviamente, è favorita, ma non ci arrenderemo e le daremo filo da torcere"

 "Non siamo qui per lottare per il secondo posto. Vogliamo vincere la competizione, che si tratti della Serie A o dell'Europa League. Vogliamo conquistare lo Scudetto. Crediamo di poterlo fare: la Juventus, ovviamente, è favorita, ma non ci arrenderemo e le daremo filo da torcere". Così in un'intervista sul sito della Roma il portiere Wojciech Szczesny. Nella passata stagione finì 3-3 e il l'estremo difensore polacco spiega: "Credo ci sia molto da imparare da quella partita perché ci è costata il secondo posto. Se avessimo vinto ci saremmo qualificati per la Champions League e avremmo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati lo scorso anno. Quindi ci deve servire da lezione. Dobbiamo scendere in campo concentrati, per vincere e guardare avanti". A Bergamo "Sarà dura. Anche la scorsa stagione è stata difficile in casa loro, quando abbiamo pareggiato per 3-3. Proprio per questo, conosciamo le insidie del loro attacco. Quest'anno l'Atalanta ha anche difeso molto bene nelle gare giocate in casa, quindi sarà una partita davvero tosta. Ma, come ho detto, se riusciremo a conquistare i tre punti, riceveremo un'iniezione di fiducia importante che ci consentirà di proseguire la stagione nel migliore dei modi".

 "Abbiamo vinto quattro gare e ne abbiamo pareggiata una - contro l'Empoli -, ma anche in quell'occasione abbiamo giocato bene. Abbiamo fiducia nei nostri mezzi e dobbiamo cercare di confermare questo trend positivo: credo che, se continueremo a giocare come abbiamo fatto finora, potremmo toglierci delle soddisfazioni", ha aggiunto. Sulle accuse della mancanza di concentrazione dice: "Non credo che la concentrazione sia uno degli aspetti in cui migliorare. Dobbiamo essere più cinici, credo che qui ci siano margini di miglioramento. Come nella gara contro l'Empoli, dove abbiamo giocato bene, abbiamo dominato la partita ma, nonostante le grandi parate di Skorupski, avremmo comunque dovuto sfruttare le occasioni create. Quindi dovremo cercare di capitalizzare meglio e vincere le partite. Dobbiamo senz'altro imparare a essere più cinici".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata