Supercoppa, è trionfo Lazio. Juve affondata da Luis Alberto, Lulic e Cataldi
Supercoppa, è trionfo Lazio. Juve affondata da Luis Alberto, Lulic e Cataldi

I biancocelesti di Simone Inzaghi si confermano la bestia nera per i bianconeri

Dall'Italia all'Arabia Saudita, la Lazio si conferma bestia nera della Juventus. La sfida di Supercoppa finisce come in campionato: con il trionfo della squadra biancoceleste, che replica il 3-1 dell'Olimpico e alza il primo trofeo stagionale. Un successo meritato, frutto di una prestazione di grande concretezza e solidità e che conferma il gran momento di Immobile e compagni. Ed è, ovviamente, la grande vittoria di Inzaghi, ancora una volta capace di incartare i campioni d'Italia azzeccando ogni mossa, cambi compresi. A Riad sblocca la contesa il devastante Luis Alberto, Dybala risponde prima dell'intervallo. Poi nella ripresa è decisivo l'uomo delle finali, Lulic. Nel recupero, il neo entrato Cataldi chiude i giochi. E' la quinta Supercoppa nella storia dei capitolini. Altro stato d'animo in casa Juve, con Sarri che manca il primo obiettivo stagionale. Ma a far riflettere il tecnico dev'essere la prestazione dei suoi, messi a durissima prova dalle incursioni biancocelesti. Non ha funzionato la manovra, apparsa a tratti lenta e macchinosa e incapace di accendere a dovere la potenza di fuoco dell'attacco. Perché sì, Sarri se la gioca da subito con il tridente nobile, confermando Dybala-Ronaldo-Higuain dal primo minuto. In difesa Demiral viene preferito a De Ligt. A destra De Sciglio batte la concorrenza di Cuadrado e Danilo mentre a sinistra rientra Alex Sandro. Szczesny ritrova il suo posto tra i pali. Nessuna novita in casa Lazio, con Inzaghi che si affida all'undici tipo, trainato in avanti dal collaudato tandem Correa-Immobile.

Start positivo per i biancocelesti. Luis Alberto fa subito la voce grossa con un gran destro dal limite che sfiora la traversa. Preludio al gol del vantaggio, siglato dallo stesso spagnolo al termine di un'azione avvolgente dell'orchestra di Inzaghi. Gran spunto e cross di Lulic - ma De Sciglio viene saltato con troppa facilità - verso il secondo palo per Milinkovic-Savic, che appoggia all'indietro per il numero 10: Szczesny non ha scampo. È il 17' e la Juve è già costretta a rincorrere. I bianconeri provano a riorganizzarsi aumentando i giri nel motore, arriva il primo squillo di Ronaldo su servizio di Higuain: tentativo che manca lo specchio. Ci prova quindi Dybala, con una punizione che fa venire qualche brivido alla difesa di Inzaghi. La Lazio non sta a guardare e si rende di nuovo pericolosa con un diagonale di Correa, lanciato dalla 'spizzata' di Immobile: Szczesny c'è. Nel complesso la manovra bianconera non partorisce veri pericoli di fronte ad una difesa compatta e ordinata, anche se il tridente di Sarri, nel quale Higuain resta un po' in ombra, dà sempre l'impressione di potersi accendere. E prima dell'intervallo la Juve trova il varco: Ronaldo carica il mancino dal limite, sulla respinta in tuffo di Strakosha si avventa Dybala che deposita in rete in totale libertà. C'è il via libera del Var: l'argentino è in posizione regolare.

Il primo ritocco di Sarri all'undici arriva al 10' della ripresa, con l'ingresso di Cuadrado per De Sciglio. Il baricentro laziale si alza a allora il tecnico bianconero richiama Higuain per rafforzare la trequarti con Ramsey. Juve che passa al 4-3-1-2 con il gallese alle spalle di CR7 e Dybala. Inzaghi invece richiama gli ammoniti Lucas Leiva e Luis Alberto e getta nella mischia Cataldi e Parolo. Tre minuti di fiammata portano a due occasioni per parte - un pericolosissimo colpo di testa di Correa sugli sviluppi di un angolo e una conclusione potente ma imprecisa di Ronaldo, liberato da Ramsey - e al nuovo vantaggio della Lazio. Parolo fa sponda su cross di Lazzari trovando Lulic, che con un preciso piatto al volo supera Szczesny (73'). Sarri si affida a Douglas Costa sperando peschi il jolly, fuori Matuidi. Nelle file della Lazio Imobile lascia il posto a Caicedo. La Juve è chiamata al massimo sforzo, la missione biancoceleste è proteggere il vantaggio e sfruttare gli spazi lasciati dai bianconeri. E sugli sviluppi di una ripartenza, Correa piazza il colpo del ko sulla verticalizzazione di Caicedo: ma è solo un'illusione, l'argentino è in offside. Finale prevedibilmente incandescente: i bianconeri hanno una chance con un blitz aereo di Bonucci, poi vengono salvati da Szczesny che neutralizza il tiro di Correa e restano in dieci per il secondo giallo a Bentancur, che stende Parolo pronto al tap-in. E con la Juve in dieci, la Lazio fa calare il sipario al quarto minuto di recupero con la punizione perfetta di Cataldi, che piazza la palla all'incrocio. Finisce con la grande festa della Lazio, che si porta pure in vantaggio nei confronti con i bianconeri: tre vittorie a due. E ora il duello si trasferisce in Italia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata