Spalletti: Terzo posto era quasi impossibile, contento di Totti
"Francesco? Sono molto soddisfatto del suo contributo alla squadra"

 "Il terzo posto era quasi impossibile da raggiungere, ai giocatori va dato il merito di aver portato a casa un risultato considerato all'inizio quasi impossibile. Il secondo posto è un miraggio". Così il tecnico della Roma Luciano Spalletti in conferenza stampa. "Ora ci siamo creati l'opportunità che possa avvenire, dentro la squadra c'è un obiettivo unico, la partecipazione. Ora vanno tutti per quella strada lì, noi siamo stati bravi a lavorare. Tutto il resto, per citare il Califfo, è noia", ha aggiunto.
 

CARATTERE. "Cosasa ci manca per essere come la Juve? Dobbiamo fare qualche passo avanti sul piano caratteriale, ora abbiamo acquisito l'apporto di calciatori che possono dare tanto. Sta migliorando Castan, ha fatto bene De Rossi, Pjanic sta ritrovando la sua qualità, prende le sue responsabilità e sa essere leader in un gruppo" ha analizzato Spalletti"La Juve ha tanti calciatori tutti sullo stesso livello, Allegri è stato bravissimo a cambiare anche schema tattico, sa cambiare dentro le partite, ma ci sono tante squadre da cui doversi guardare", ha aggiunto. Sul ruolo di Florenzi dice: "Può darsi che renda meglio più avanti, ma c'è Salah. Quando lo usi 'basso' sotto l'aspetto difensivo non è vero difensore, ma costringe l'altro a rischiare".

TOTTI.  "Totti può giocare titolare domani? Secondo me Totti sta facendo perfettamente quella che era la figura che speravo diventasse. In termini di presenza dentro la squadra e di qualità sta facendo quello che volevo da lui. Sono molto soddisfatto del suo contributo" ha precisato Spalletti. Sul mancato impiego di Dzeko dice: "In 17 partite abbiamo fatto 40 gol. Dzeko l'ho fatto giocare poco, è colpa mia. Io valuto i numeri e devo vincere le partite, se si vince e si fa gol sono a dama. Lui ha certe caratteristiche che altri non hanno, se riusciamo a inserirlo bene abbiamo possibilità in più". Poi aggiunge: "Il ritorno del pubblico? Significa ritrovare un carissimo amico. Ne avevamo grande nostalgia".

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata