Spalletti: Nessuna paura col Lione, abbiamo 60% di possibilità
Il tecnico della Roma in vista del match: "Sicuramente non vagheremo per il campo"

La partita "si affronta valutando quello che è successo all'andata. Si può anche prendere in considerazione quello che non abbiamo saputo scegliere nell'andata. Sicuramente non vagheremo per il campo". Così Luciano Spalletti, allenatore della Roma, alla vigilia della sfida con il Lione, ritorno degli ottavi di finale di Europa League. In conferenza stampa il tecnico ha garantito sulla tenuta psicologica della squadra, chiamata a rimontare la sconfitta per 4-2 dell'andata: "Sono pronti in esame o a fare analisi approfondite e corrette per poi comportarsi di conseguenza. Non ho mai visto dubbi nella mia squadra", ha assicurato. "Domani ci sarà bisogno di non fare errori di valutazione. C'è questo risultato abbastanza importante che ci penalizza, ma - ha aggiunto Spalletti - bisogna vederlo con gli occhi giusti. Anche se avessimo perso 1-0, avremmo dovuto fare 2 gol. Di conseguenza è quella la strada. Visto quello che è successo e analizzandolo, la cosa è a portata di mano".

A giudizio di Spalletti, "sarà una partita delicata sotto l'aspetto delle posizioni e delle attenzioni. Una delle priorità della nostra difesa sarà quella di stare attenta alle loro verticalizzazioni. Bisogna cercare subito di far gol e poi non perdere mai di ordine, mantenendo l'equilibrio sui loro tentativi di ripartenza improvvisa". "La difesa? Possiamo giocare come abbiamo fatto ultimamente, ma si può anche cambiare e giocare a 4. Quello che è fondamentale è l'equilibrio della squadra", ha evidenziato il mister giallorosso. "Dobbiamo uscire dal campo senza rimpianti, andare a fare questa partita senza nessun timore di paura", ha proseguito Spalletti. Il risultato dell'andata è avvenuto, ma non significa assolutamente niente".
 

L'allenatore della Roma si è dichiarato "estremamente convinto che i giocatori faranno la partita diventando delle stelle, senza il timore che si prenda gol, anche se ci può stare, perché la qualificazione è aperta anche prendendo gol. Sono convintissimo - ha continuato - che dentro la partita riusciremo a ragionare, a respirare e fare quello che c'è bisogno di fare in questi 90'". Sulle condizioni fisiche dei singoli, Spalletti ha chiarito: "Gli esami di Bruno Peres sono negativi e oggi vediamo l'allenamento per vedere come risponde. Perotti ha avuto un risentimento al flessore destro prima di Palermo però poi si è allenato, se c'è la conferma anche oggi è disponibile. Emerson ha il problema al tendine del quadricipite della coscia sinistra, non al tendine rotuleo come è stato detto". Sulle percentuali di passare il turno, il tecnico infine ha sottolineato: "Ne ho già parlato con i ragazzi, in base al valore dei miei giocatori sento di avere il 60% di possibilità".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata