Sousa: Io alla Juve? Penso solo alla Fiorentina, voglio vincere
"Voglio dare il massimo per onorare la maglia e i tifosi"

"Il nostro obiettivo è cercare di vincere sempre ogni partita. Domani è una gara importante, diversa sicuramente, ma io non voglio essere ricordato per una partita ma per l'allenatore che sono. Voglio dare il massimo per onorare la maglia e i tifosi". Così Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della gara di campionato contro la Juventus. "L'ultima partita contro di loro sono stati due tempi diversi, abbiamo subito pressing e la loro qualità collettiva nella prima parte e poi nella seconda noi siamo stati protagonisti controllando i ritmi di gioco", ha ricordato il tecnico lusitano.

Sulle voci che lo vogliono come possibile erede di Allegri proprio alla Juventus, Sousa ha detto: "Il mio futuro dipende dal mio presente e sono concentrato solo su quello".

FERMARE HIGUAIN. Su come fermare Higuain, sempre a segno contro la Fiorentina nelle ultime partite, il tecnico viola ha detto: "Il miglior modo di difendere è tenere noi la palla, quanto più ce l'hai meno dai possibilità all'avversario di crearti difficoltà. Abbiamo l'ambizione di crescere tutti insieme, è quello che cerchiamo sempre di fare. Ci mancano 6-8 punti di quelli che meritavamo, ma vogliamo essere competitivi e vediamo anche loro quello che faranno. Hanno una grande qualità, ma io penso solo alla mia".  Sull'arrivo di Sportiello. "Uno dei fattori di crescita della squadra è la competitività interna, sicuramente viene e a dare questo. Cercheremo di integrarlo il più in fretta possibile", ha dichiarato. Infine sulla condizione di Kalinic e degli altri giocatori. "Le speculazioni su Kalinic possono pensare. Ora sta bene, si sta allenando. Borja Valero ha la capacità di gestirsi, spero spero che oggi si allenerà come ieri al 100% e sarà una scelta in più che abbiamo. Astori si sta allenando al 100%", ha concluso Sousa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata