Serie B, la sedicesima giornata: risultati e classifica

Nell'anticipo il Foggia batte la Cremonese. Il Livorno ferma la corsa del Palermo (1-1), pari anche in Ascoli-Cittadella e Perugia-Spezia

FOGGIA-CREMONESE 3-1 
Il Foggia ha battuto per 3-1 la Cremonese nell'anticipo della 16esima giornata di Serie B. Un risultato che consente ai satanelli pugliesi di agganciare il Crotone a quota 12 punti in classifica, mentre i lombardi restano fermi a 19. Succede tutto nel primo tempo: Foggia in vantaggio dopo 13' con un gol di Mazzeo, al 22' il pareggio della Cremonese firmato da Mogos. La squadra di casa si riporta in vantaggio al 39' con un sinistro vincente di Kragl e dopo tre minuti chiude i conti con una rete del bomber Iemmello. Nella ripresa il Foggia tiene a bada il tentativo di reazione della Cremonese e porta a casa una vittoria preziosissima in chiave salvezza. Nel prossimo turno i pugliesi saranno di scena a Salerno, mentre i grigiorossi di Cremona riceveranno il Carpi allo Zini. Da segnalare che prima della gara odierna un grave lutto ha colpito la Cremonese e i suoi tifosi, con un supporter lombardo morto per un malore durante il viaggio in pullman per seguire la squadra in trasferta. È stata la stessa Cremonese a renderlo noto sul proprio sito internet, esprimendo "il proprio cordoglio per la scomparsa del giovane tifoso che stava raggiungendo Foggia per assistere alla partita".

ASCOLI-CITTADELLA 1-1
Secondo pareggio consecutivo per il Cittadella, che pareggia in casa dell'Ascoli (1-1) nella gara valida per la 16/a giornata di Serie B. I veneti restano in zona playoff salendo a quota 25 punti, i marchigiani avanzano invece a 21. Prima opportunità al 13' con Beretta, ma Paleari risponde presente e respinge di pugno. Poco dopo gli ospiti si portano in vantaggio con Schenetti, bravo ad avventarsi sulla respinta di Lanni. Immediata la risposta dei padroni di casa, che pareggiano i conti su rigore al 24' con Ardemagni dopo una trattenuta di Settembrini su Beretta sugli sviluppi di un corner. Nella ripresa l'Ascoli si fa vedere maggiormente: Frattesi in avvio arriva con un attimo di ritardo sul secondo palo, poi è Padella in mischia a mancare la deviazione vincente. Il punteggio non si schioda però dall'1-1.

PALERMO-LIVORNO 1-1
Impresa del Livorno che ferma il Palermo pareggiando 1-1 al 'Barbera' nel testa-coda della 16/a giornata di Serie B. I rosanero restano comunque in testa alla classifica con 30 punti, mentre i toscani danno segnali incoraggianti, pur restando all'ultimo posto, in coabitazione con il Carpi, centrando il secondo risultato utile consecutivo. Dopo un primo squillo dell'ex Diamanti, i padroni di casa passano in vantaggio al 14' con Moreo, che trafigge Mazzoni sul primo palo su invito di Falletti. I toscani non si scompongono e dieci minuti più tardi pareggiano con Raicevic, bravo a battere Pomini da due passi. La squadra di Stellone torna a spingere sul finire del primo tempo costruendo buone occasioni con Jajalo, Moreo e Puscas. Nella ripresa è il Livorno a sfiorare il colpaccio, trascinato dalle giocate di Diamanti. Pomini salva al 19' e al 35', con un doppio intervento miracoloso, l'ultima occasione la sciupa Moreo di testa e il risultato non cambia più.

PERUGIA-SPEZIA 1-1
Parità al 'Curi' (1-1) tra Perugia e Spezia, che continuano a gravitare in zona playoff del campionato di Serie B anche dopo lo scontro diretto della 16/a giornata di campionato. Gara subito divertente con una prima occasione degli ospiti al 3': decisiva la deviazione di Capradossi su Verre. Al 18' i padroni di casa passano. Mazzocchi crossa sul primo palo, Vido si gira e con un diagonale fulmina Lamanna. Il numero 10 del Perugia sfiora la doppietta personale poco dopo la mezzora con un tiro a lato di poco. Nella ripresa arriva la reazione dei liguri. Gabriel salva su Capradossi all'11' e si fa trovare pronto anche sul colpo di testa di Okereke al 18'. Lo Spezia però insiste e trova il pareggio qualche minuto più tardi. Ngawa perde palla, Okereke ne approfitta e lancia Gyasi che firma l'1-1. Nel finale protagonisti i due portieri. Gabriel è decisivo su Pierini al 27', dalla parte opposta Lamanna non è da meno respingendo il tiro di Verre a tu per tu con l'estremo difensore dello Spezia.

CROTONE-VENEZIA 1-1
Il Crotone torna a muovere la classifica dopo tre sconfitte consecutive. Finisce 1-1 il match casalingo con il Venezia, al quarto risultato utile consecutivo, nella gara valida per la 16/a giornata di Serie B. I padroni di casa spingono in avvio creando una buona opportunità con Budimir, che al 16' di testa centra il palo sugli sviluppi di un calcio di punizione. Poco dopo la mezz'ora sono però gli ospiti a passare in vantaggio - alla prima vera occasione - con un colpo di testa di Modolo su cross di Di Mariano. La gara si accende, Citro sfiora il raddoppio da un lato, Spinelli va vicino all'1-1 dall'altro. In chiusura di frazione pitagorici ancora pericolosi, su palla inattiva, con Golemic: la palla finisce sopra la traversa. Nella ripresa i padroni di casa continuano a spingere e all'11' arriva il pareggio, su calcio di rigore, di Budimir. Immediata la risposta degli ospiti, a un passo dal nuovo vantaggio con Bruscagin, che esalta i riflessi di Cordaz. Poi tocca a Zanellato sfiorare il 2-1, ma il risultato non cambia più.

CARPI-SALERNITANA 3-2
Successo fondamentale in chiave salvezza per il Carpi, che supera 3-2 la Salernitana e abbandona il Livorno all'ultimo posto in classifica nella gara valida per la 16/a giornata di Serie B. Per i campani invece, al terzo stop consecutivo, prosegue il momento no. Un primo tempo divertente vede i padroni di casa passare in vantaggio al 45' con Pasciuti, che in girata su cross di Pachonik supera Micai. Nella ripresa gli emiliani legittimano il vantaggio raddoppiando con Concas al 14', bravo a ribadire in rete da due passi sugli sviluppi di un calcio d'angolo. A dieci minuti dalla fine arriva anche il tris in contropiede con un diagonale chirurgico di Vano. La gara sembra chiusa, ma nel finale la reazione d'orgoglio degli ospiti produce le reti di Casasola, di testa, e di Rosina per il 3-2 finale che lascia più di qualche rammarico alla squadra di Colantuono.

COSENZA-BENEVENTO 0-0
Termina con un pareggio a reti bianche la sfida del 'San Vito' tra Cosenza e Benevento, gara valida per la 16/a giornata di Serie B in programma ieri e rinviata di 24 ore per impraticabilità del campo. I calabresi salgono così a 15 punti, a più 2 dalla zona playout, mentre i campani avanzano a 22, in zona playoff. Pronti via e dopo pochi minuti Dermaku impegna subito Montipò di testa. Il Cosenza insiste e ancora Dermaky sfiora il vantaggio al 18', colpendo la traversa con la decisiva deviazione del portiere dei sanniti. Gli ospiti si fanno notare per la prima volta alla mezzora, con una conclusione velenosa di Coda respinta in angolo da Perina. Nella ripresa Buonaiuto pareggia il conto dei legni con un tiro dal limite al 17' che si spegne sul palo. I padroni di casa rispondono colpo su colpo e al 20' solo la respinta di Antei sulla linea sul tiro di D'Orazio evita il vantaggio del Cosenza. Nel finale entrambe le squadre provano a vincere ma il risultato non si schioda dallo 0-0.

BRESCIA-LECCE 2-1
Il Brescia vince 2-1 lo scontro diretto d'alta classifica con il Lecce nella gara valida per la 16/a giornata del campionato di Serie B e si porta al secondo posto in classifica, a meno tre dalla capolista Palermo, scavalcando proprio i pugliesi, fermi a quota 26. Nel primo quarto d'ora un'occasione per parte, con Bisoli e La Mantia che mancano lo specchio della porta. Al 22' tentativo di testa di Lucioni fuori misura, ma il Lecce continua a premere e tre minuti più tardi passa in vantaggio con La Mantia, che trova il tapin vincente dopo una prima respinta di Alfonso sul diagonale di Bovo. La gara vive di continui ribaltamenti di fronte, e al 45' Alfonso salva i suoi di piede sul tiro a botta sicura di Mancosu. In avvio ripresa i lombardi trovano subito il pareggio con Donnarumma, che non sbaglia a tu per tu con Vigorito. Entrambe le squadre provano a superarsi senza risparmiarsi e alla fine a spuntarla sono i padroni di casa. Gastaldello sugli sviluppi di un calcio d'angolo in pieno recupero sbuca sul secondo palo e mette la propria firma sul successo delle rondinelle.

VERONA-PESCARA 3-1
Seconda vittoria consecutiva per il Verona, che continua a scalare la zona playoff battendo 3-1 al 'Bentegodi' il Pescara e portandosi a meno 1 dagli abruzzesi nel posticipo della 16/a giornata di Serie B. I padroni di casa sbloccano il risultato al 14' con il primo gol in campionato del giovane Danzi, il cui tiro preciso si infila nell'angolino e trafigge Kastrati. Gli ospiti non si scoraggiano ma, dopo aver sfiorato l'1-1 con Monachello e Mancuso, incassano al 40' il raddoppio su rigore trasformato da Di Carmine. Il Pescara prova a reagire ma in avvio ripresa subisce anche il tris con l'autorete di Del Grosso, che nel tentativo di anticipare Di Carmine infila la sfera nella propria porta. La gara è virtualmente chiusa ma gli abruzzesi salvano almeno l'onore accorciando le distanze con un tiro sotto l'incrocio dei pali di Mancuso per il 3-1 finale.

La classifica 
Palermo 30 punti
Brescia 27
Lecce 26
Pescara 26
Cittadella 25
Verona 25
Benevento 22
Perugia 22
Spezia 21
Ascoli 20
Venezia 20
Salernitana 20 
Cremonese 19 
Cosenza 15 
Crotone 13
Carpi 13
Foggia (-8) 12
Padova 11
Livorno 10

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata