Serie A, Sassuolo-Parma a reti inviolate: Consigli-Sepe protagonisti

Una gara a senso unico: il risultato non rispecchia quanto visto in campo e i padroni di casa possono solo recriminare per non aver saputo capitalizzare una netta superiorità

Un po' la sfortuna, un po' l'imprecisione sotto porta, un po' le prodezze di Sepe e per il Sassuolo non c'è verso di battere il Parma nel derby emiliano. Una gara a senso unico anche se paradossalmente proprio i crociati hanno avuto l'occasione più ghiotta con un rigore fallito da Ceravolo nel primo tempo. Lo 0-0 finale non rispecchia quanto visto in campo e i padroni di casa possono solo recriminare per non aver saputo capitalizzare una netta superiorità.

C'è quasi solo il Sassuolo nel primo tempo. Troppo rinunciatario il Parma che raramente riesce a pungere in contropiede, sono i padroni di casa a fare la partita. Si comincia subito col piede pigiato sull'acceleratore e dopo 3' c'è l'illusione del gol. Lo segna Matri complice anche un'uscita avventata di Sepe ma sul suo colpo di testa, peraltro involontario dopo un tentativo di Ferrari, l'ex Juve e Milan era in fuorigioco come segnalato dal Var. Piccinini annulla ma il Sassuolo insiste. Al 13' discesa di Lirola a destra, il pallone arriva a Boga che calcia con potenza, ma il tiro è centrale e Sepe respinge. Ancora Sassuolo vicino al gol poco dopo. Gran cross di Lirola, Locatelli si coordina e tenta addirittura la rovesciata, ma l'ex Milan manca la sfera. Il pallone perviene allora a Boga, con il francese che cerca il tiro a giro ma trova il palo pieno a Sepe battuto. Nessuna traccia del Parma e neroverdi che continuano ad attaccare. Al 20' buco di Iacoponi sul servizio di Peluso, arriva Matri che cerca Bourabia, ma il centrocampista sbaglia l'impatto con il pallone. Al 34' ci prova Berardi ma Iacoponi disturba con efficacia l'attaccante e gli impedisce di centrare il bersaglio grosso. Alla prima occasione però il Parma trova il jolly. E' il 36' e per un contatto nell'area di rigore del Sassuolo tra Bourabia e Barillà, l'arbitro concede il rigore su suggerimento del Var. Dal dischetto però Ceravolo si fa ipnotizzare da Consigli che para. L'episodio condiziona il finale di tempo col Sassuolo che abbassa il baricentro e fino al duplice fischio si vede solo con un tentativo velleitario di Berardi.

Nella ripresa D'Aversa lancia in campo Gervinho al posto di Siligardi ma è ancora la squadra di De Zerbi a dettare i tempi di gioco. Al 7' colpo di testa ravvicinato di Peluso dopo la sponda di Demiral, bravissimo Sepe a salvare il risultato. Ancora protagonista, prima in male e poi in bene, il portiere napoletano al 12'. Bourabia mette in mezzo un pallone molto pericoloso, il portiere respinge male sui piedi di Berardi. Tiro a botta sicura dell'attaccante del Sassuolo, ma Sepe si riscatta e salva tutto. E' un tiro al bersaglio ormai, ma la mira dei giocatori del Sassuolo resta scarsa. Al 19' ci prova anche Ferrari ma il suo colpo di testa esce di un soffio dopo una deviazione. De Zerbi prova la carta Babacar al posto di Matri. Col passar dei minuti si affievolisce la spinta dei neroverdi e il Parma può difendersi meglio. Finisce così senza reti al Tardini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata